sabato 26 maggio 2012

Al cinema 2012: Dark shadows *** di Tim Burton

























Bello senz'anima...
racchiuso in un'elegante confezione-gioiello, effetti visivi, trucco e atmosfere gotiche perfette ma... la storia in sè, la sceneggiatura, che per me è l'anima del film, non è da applausi.
Insomma, anche Tim Burton, come tanti suoi colleghi bravi, ha fatto flop, che peccato... 
Non di incassi sicuramente, ma di contenuti, di emozioni.

Michelle Pfeiffer
Certo è divertente, i personaggi sono simpatici e eccentrici, tanti sono gli effetti speciali, c'è ironia ma è troppo ormai un "déjà-vu" nella sua filmografia! E' ora di cambiare qualcosa. Lo stile di Burton è sempre fantastico, assolutamente, ha delle atmosfere che evocano tutto un mondo interiore, però il problema è che lui non sta andando avanti ma indietro, non c'è evoluzione del suo pensiero. Allora dev'essere tornato alle certezze del suo stile originario. Magari è una fase di passaggio, perché a volte per andare avanti bisogna tornare indietro... e quindi forse il suo prossimo film potrà essere migliore. D'altronde la creatività non è a comando, viene inoltre fortemente influenzata da ciò che si vive.

L'idea di base è interessante, cioè quella di riprendere una soap-opera americana che andò in onda dal 1966 al 1971 che aveva come protagonisti il meglio della narrativa horror e gothic, quindi mostri, vampiri, streghe, fantasmi, lupi mannari. E in questo film continua la storia del protagonista Barnabas Collins (Johnny Depp), capostipite di una importante e ricca famiglia, condannato ad essere un vampiro dalla bella e arrabbiatissima strega Angelique (Eva Green) che vede rifiutato il suo amore morboso, vissuto a senso unico.

La strega Angelique, Eva Green

Ecco, questo forse è il tema più incisivo del film, quello su cui si basa la storia, sviscerata in maniera rocambolesca e spiritosa, come sempre.

Il vampiro si sveglia dopo 200 anni e si ritrova in un mondo profondamente cambiato, estraneo ai nuovi comportamenti, modelli di vita e linguaggi. Rientra nella famiglia Collins e cerca di salvare l'attività lavorativa e di ritrovare il perduto amore che Angelique aveva ucciso. Collins ha una possibilità di salvezza e di vita oltre la vita..

Nell'insieme Dark Shadows si lascia vedere piacevolmente, attira qualche risata, ha un cast ricchissimo di talenti ed è ammirevole per costumi e scenografie impeccabili. Ma restiamo in attesa che Tim Burton recuperi quel tocco in più che questo film ancora non possiede! 

8 commenti:

  1. Io l'ho trovato decisamente trascurabile, anche se decisamente migliore di quella schifezza abominevole di Alice.
    Sicuramente il vero Tim Burton non sta qui. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tim Burton sta qui, ma dovrebbe proprio evolvere il suo stile, mi sembra un film di passaggio. Forse andrà meglio il prossimo

      Elimina
  2. 'Bello senz'anima'... in tre parole hai recensito il film. Non potevi trovare un titolo migliore, bravissima Barbara! D'accordo al 100%

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie caro kelvin, ho letto la tua e complimenti anche a te! Stavolta siamo d'accordo. Ciao!

      Elimina
  3. Piacevole ma non un capolavoro, sottoscrivo appieno quello che hai detto:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, un capolavoro nn lo è proprio, si lascia vedere:)

      Elimina